D / F / I
Il contratto collettivo
di lavoro Personale a prestito

Commissione professionale Paritetica Svizzera per il Prestito di Personale (CPSPP)

Casella postale 272
3000 Berna 15

 

Domande & risposte: campo d'applicazione

1.1 Chi è soggetto al CCL Personale a prestito e chi no?

Con la dichiarazione di obbligatorietà generale da parte del Consiglio federale, in data 1° maggio 2016 è entrato in vigore il CCL prestito di personale 2016-2018 modificato e prolungato.

È stato ridefinito il campo d'applicazione dal profilo aziendale. In effetti, per l'assoggettamento dal profilo aziendale non sarà più determinante l'assoggettamento alla categoria d'assicurazione infortunio nella classe Suva 70C o il superamento dell'importo CHF 1'200'000.00 della massa salariale annua.

Giusta il nuovo articolo 2, a partire dal 1° maggio 2016 il CCL Prestito di personale è applicabile a tutte le aziende che sono:

  • titolari di un'autorizzazione federale o cantonale per l'attività di collocamento di personale  conformemente alla Legge sul collocamento (LC) e
  • la cui attività principale è il prestito di personale.

Pubblicato il 25.5.2016

1.1.1      Come è accertata l'attività principale?

In primo luogo è determinante lo scopo della ditta, come risulta dall'iscrizione nel registro di commercio.

Se dallo scopo indicato nel registro di commercio non è possibile determinare in modo inequivocabile l'attività principale svolta da parte della ditta, si prenderà in considerazione l'aspetto e la presentazione della ditta sul suo sito internet.

Se queste informazioni complessivamente non riescono a fornire un risultato chiaro ed univoco in merito all'attività principale perseguita, rispettivamente nei casi in cui non si dovesse raggiungere un accordo tra la ditta ed il Segretariato per l'applicazione CCL prestito di personale in merito alla questione dell'assoggettamento, la Commissione professionale paritetica svizzera per il prestito di personale (CPSPP), in applicazione dell'art. 5 lett. b del Regolamento di procedura della CPSPP, può disporre l'esecuzione di un controllo sulla questione dell'assoggettamento, e meglio sul fatto se l'attività principale svolta dall'azienda è quella del prestito di personale oppure se nell'azienda sussistono delle unità operative autonome, tali da dover essere considerate alla stregua di un'azienda a sé stante, la cui attività principale consiste nel prestito di personale. Questo controllo può essere richiesto sia da parte dell'azienda sia dal Segretariato per l'applicazione.

Nell'esecuzione di un controllo in merito all'accertamento dell'assoggettamento viene esaminato ad esempio l'attività principalmente svolta dal personale fisso impiegato dalla ditta, il volume del giro d'affari complessivo, nonché la quota rappresentata dal prestito di personale parte del volume del giro d'affari complessivo (superiore o inferiore al 50%).
Pubblicato il 25.5.2016

1.2 I prestatori di personale del Principato del Liechtenstein sono soggetti al CCL Personale a prestito se prestano personale in Svizzera?

Sì. Secondo l’accordo di reciprocità tra la Confederazione svizzera e il Principato del Liechtenstein sull’attività di mediazione e di prestito transfrontaliera, in caso di prestito transfrontaliero resta riservato il diritto nazionale degli Stati firmatari – soprattutto nell’ottica del rispetto di contratti collettivi dichiarati di obbligatorietà generale.
Pubblicato il 20.2.2012

1.3 Le organizzazioni senza scopo di lucro / le istituzioni per l’integrazione professionale e simili con un’attività di prestito del personale sottostanno al CCL?

Alle imprese di utilità pubblica che non perseguono il conseguimento di utili economici (ad sempio aziende di utilità pubblica come la Spitex oppure organizzazioni che prestano disoccupati di lunga durata, disabili o casi sociali) non occorre un’autorizzazione di fornitura di personale a prestito

Motivazione:

  • Le imprese di utilità pubblica non perseguono complessivamente il conseguimento di utili economici e non adempiono pertanto le condizioni previste dalla nozione di attività commerciale ai sensi della LC.
  • Spesso sono sottoposte alla vigilanza delle autorità oppure collaborano con partner sociali o vengono accompagnati da essi. È pertanto possibile rinunciare a una più ampia protezione dei collaboratori impiegati, garantita dal requisito di un’autorizzazione di fornitura di personale a prestito.
  • Spesso queste imprese sottostanno anche a un mandato di prestazione dell’ente pubblico e sono tenute a garantire la fornitura delle loro prestazioni.

Se però sono proprietari della stessa e adempiono anche gli altri criteri di assoggettamento, sono assoggettate al CCL del settore del prestito di personale. Dietro richiesta, i salari minimi possono tuttavia essere ridotti al massimo del 15%  (ai sensi dell’art. 21) per persone con limitate capacità di rendimento fisico o intellettuale. Per quanto concerne i beneficiari di rendite AI e di prestazioni dell’aiuto sociale, la rendita o le prestazioni dell’aiuto sociale, congiuntamente al salario, devono corrispondere almeno al salario minimo previsto all’art. 20 del CCL per il settore del prestito di personale.
Pubblicato il 15.3.2013

1.4 Il prestito in aziende agricole è soggetto al CCL Personale a prestito?

Il prestito nel settore agricolo in caso di necessità (p.es. assenze per vacanze, impedimento al lavoro del responsabile dell’azienda, grande mole di lavoro) è escluso dal campo di validità del CCL Personale a prestito. Si consiglia al prestatore di chiedere all’azienda agricola una conferma scritta che attesti tale necessità (certificato di malattia, notifica di infortunio ecc.).
Pubblicato il 20.2.2012


1.4.1 In che modo dev'essere interpretato il termine di situazione di ingente lavoro indicato all'art. 2 cpv. 2 CCL PP?

Le situazioni di ingente lavoro si riferiscono ad un periodo di tempo ben determinato e comprendente una durata massima di 3 settimane. La situazione di ingente lavoro dev'essere concretamente motivata (raccolto, seminagione, condizioni metereologiche). Le situazione di ingente lavoro non possono essere giustapposte in modo consecutivo, in particolare tra una situazione di ingente lavoro e l'altra dev'esserci un periodo d'intervallo di almeno un mese. La durata del contratto di missione deve corrispondere al periodo della situazione di ingente lavoro. Una situazione di ingente lavoro non può essere concepita all'interno di una missione già preesistente.
Pubblicato il 21.3.2017

1.4.2. In che modo dev'essere inteso il concetto di impedimenti al lavoro del dirigente di azienda espresso all'art. 2 cpv. 2?

Gli impedimenti al lavoro si possono riferire a situazioni di malattia, di incidente, di decesso, di maternità o di militare (compresi il servizio di protezione civile e il servizio civile) e la loro durata non é limitata nel tempo.
Pubblicato il 21.3.2017

1.5 Il CCL Personale a prestito vale anche per il personale interno, per esempio i consulenti?

No. Il CCL Personale a prestito vale esclusivamente per il personale prestato.
Pubblicato il 20.2.2012

Contatto

Commissione professionale Paritetica Svizzera per il Prestito di Personale (CPSPP)

Casella postale 272
3000 Berna 15

Parti contraenti
www.swissstaffing.ch
www.unia.ch
www.syna.ch
www.sicsvizzera.ch
www.employes.ch